Descrizione Progetto

La storia millenaria del Duomo

Il Duomo di Salerno è conosciuto anche come Cattedrale di San Matteo, le cui spoglie sono custodite nella cripta.
E’ una basilica minore: si tratta di una denominazione onorifica che il papa concede ad alcuni edifici religiosi cattolici di particolare importanza, per sottolineare il legame della singola chiesa con il vescovo di Roma ed evidenziare l’importanza della chiesa nella zona di appartenenza.

Duomo di Salerno 1- www.villacostierasalerno-bb.it

Duomo di Salerno – Esterno – www.villacostierasalerno-bb.it

Il Duomo è il principale luogo di culto cattolico in città. Realizzato in stile romanico nel XI secolo, poi modificata in seguito a diversi eventi naturali e non.
Il campanile è un esempio della fusione arabo-normanna del periodo, dove vi sono situate ben otto grandi campane.
La sua costruzione si deve in particolar modo a due avvenimenti importanti: la traslazione delle spoglie di San Matteo da Capaccio a Salerno; la conquista della città nel 1075 da parte del Duca normanno Roberto di Altavilla, detto il Guiscardo che mise fine al principato longobardo durato 237 anni.
Per accedere al Duomo è necessario attraversare una lunga scalinata settecentesca in marmo, a doppia rampa, che ha sostituito nel 1700 l’originario scalone a pianta circolare.

L’ingresso si apre attraverso un portale custodito da due sculture di un leone e una leonessa che allatta il suo piccolo, simbolo della Potenza e della Carità della chiesa. Oltrepassando la Porta dei Leoni ci si trova di fronte un atrio circondato da un quadriportico sorretto da ventotto colonne di diverso ordine, un esempio suggestivo di architettura che in Italia ritroviamo soltanto nella Basilica di Sant’Ambrogio a Milano.
Al centro una vasca in granito, che in origine era una fonte battesimale.
Lungo il porticato si possono ammirare diversi sarcofagi di fattura romana, che custodiscono le spoglie di ecclesiastici e patrizi salernitani.
Sul lato meridionale dell’atrio si erge il campanile che risale alla metà del XII secolo. La forma del campanile rimanda a precise simbologie bibliche.
L’ingresso principale della Basilica è costituito da una porta in bronzo bizantina, l’interno della chiesa è suddiviso in tre navate e tre absidi, aperte su un luminoso transetto rialzato rispetto al livello della chiesa.

Duomo di Salerno 2- www.villacostierasalerno-bb.it

Duomo di Salerno – Interno – www.villacostierasalerno-bb.it

Attraverso una scala marmorea si accede alla Cripta aperta al culto nel 1080, proprio quando furono traslate qui le spoglie di San Matteo.
Ristrutturata nel corso del tempo, oggi si presenta con uno stile barocco, che le attribuisce un aspetto di austera solennità. Al centro si trova un raffinato baldacchino con gli stemmi dei reali di Spagna, che sovrasta la tomba di San Matteo.